tocai friulano toccai tokaj
IL TOCAI FRIULANO (oggi chiamato FRIULANO)
13 settembre 2017
Vino Bottiglie vini italiani fine 800
I vini Italiani nell’800
14 settembre 2017

Il vino nell’antichità

La nascita della storia del vino - Erodoto
https://online-wine-shop.com

Vino nell’antichità ne parla Erodoto

L’origine del vino alle pendici collinari ai piedi del Caucaso.

Esiste la testimonianza senz’altro autorevole di Erodoto. Lo storico greco  racconta infatti molti dettagli il trasporto del vino a Babilonia per via fluviale lungo il corso dell’eufrate, che nasce nella catena del caucaso, la stessa del monte Ararat  e scende unirsi con il Tigri per sfociare nel Golfo  Persico.
 
Le imbarcazioni erano fatte con telai di rami di salice e pelli tese,trasportavano botti di egno di palma colme di vino.A Babilonia, scaricata la merce, i barcaioli recuperavano lepelli e tornavano  via terra, a dorso d’asino, fino a luogo da cui erano partiti,dove costruivano altre barche per riprendere il viaggio.
 
La testimonianza di ERODOTO è la conferma che il vino è sempre stato uno degli elementi di maggior rilievo, insieme con le spezie, i metalli preziosi e i manufatti,di ogni forma di commercio.
 
Sono numerosi i relitti di navi trovati nel Mediterraneo, soprattutto orientale,con il loro carico comprendente le anfore vinarie. Le correnti di traffico collegavano la terra di Canaan, grosso modo gli odierni:
  • Libano
  • Istraele
  • Egitto
  • Cipro
  • Creta
  • Anatolia
  • Grecia
Leggi severe disciplinavano la materia.
vino codice di Hammurabi il vino nella storia del vinoDal codice di Hammurabi, il re che governò a Babilonia fra il 1792 eil 1750 a.C., sembra che il commercio vinicolo fosse riservato alle donne, con pesanti responsabilità.
 
Era prevista, infatti una, la pena di morte se una venditrice sbagliava il conto o se non riferiva alle autorità complotti o illeciti carpiti ai proprietari del suo locale. Terribile, infine, la pena per una sacerdotessa che avesse osato recarsi a bere in una mescita di vino: veniva bruciata viva.
 
Invece il codice ITTITA era meno rigido,anche se dedicava una paragrafo intero  alle leggi sul vino, infatti la protezione dei vigneti era molto severa e prevedeva pene dure a chi faceva entrare il gregge di pecore nelle vigne.
 
In numerose tombe dell’antico Egitto, troviamo il soffitto decorato da dipinti che raffigurano vigneti a pergola carichi di grappoli.
 
Erano i sepolcri di dignitari preposti al controllo e alla produzione del vino o più semplicemente,di personaggi di un certo rango che amavano il vino. In qualche caso la pergola vuole raffigurare il posto dove l’aristocratico o il dignitario egiziano trascorreva il tempo.
 
Nella tomba di  TUTANKHAMON, il giovane  faraone del Nuovo Regno (1500 a.C), sono state ritrovate anfore di vino sigillate con tappi di cane e argilla dove erano incisi, oltre l’anno della vendemmia,anche il nome del proprietario e del cantiniere responsabile del prodotto, nonchè una serie di notizie che potremmo  leggere oggi su un’etichetta moderna.


https://online-wine-shop.com

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi