Abbinamenti tra il vino e la carne

mappa_vini_puglia
Vini della Puglia
19 Settembre 2020
coppiere-o-sommelier-di-altri-tempi
Il coppiere o Sommelier d’altri tempi
21 Settembre 2020

Abbinamenti tra il vino e la carne

abbinamento-vino-carne

 

Quale vino per quale carne? 

Col pesce vino bianco, con la carne vino rosso: quante volte l’abbiamo sentito dire?
Per l’abbinamento tra vino e carne questa regola è valida; ma guai a essere sicuri che funzioni sempre e comunque.

Perché se è vero che in genere i vini rossi stanno benissimo con le carni (avendo comunque cura che al crescere della sapidità del piatto aumenti
anche l’importanza e la robustezza del vino), è altrettanto vero che ci sono ricette di carne che stanno benone con dei vini bianchi.

Carne servita calda o fredda

Prendiamo il pollame. Col pollo arrosto vanno bene i rossi, ma non c’è dubbio che con una buona insalata fredda di pollo stia meglio un bianco delicato e aromatico. Lo stesso dicasi per il roast-beef: quand’è servito caldo, al sangue, vuole un bel rosso, ma quand’è freddo, soprattutto d’estate, cerca la compagnia d’un bianco freschissimo come il Tocai Friulano o lo Chardonnay del Trentino.

C’è dunque un distinguo da fare alla nota regola generale: in genere con le carni calde va bene un vino rosso, ma con alcune carni fredde sta meglio un bianco.

Un distinguo non è sempre valido, perché col pollame bollito,che và servito caldo, non è detto che non si possa sposare con piena soddisfazione un bel bianco robusto, magari affinato nel legno.

Dei brasati abbiamo già detto. Con una semplice bistecca ai ferri possiamo servire un rosso giovane ma d’una certa eleganza (Chianti e Valpolicella, ad esempio). Con la fiorentina serve un rosso toscano importante (un Brunello, un Chianti riserva); con il pollo ai ferri torniamo ai rossi leggeri ma di buona acidità (una Barbera giovane). Con lo spezzatino ci vuole un rosso di corpo non eccessivo, ma neppure troppo leggero (un Rosso onero). Con il bollito misto dei rossi giovani, anche vivaci (un Bardolino o una Barbera, ma anche una Bonarda o un Lambrusco).

 

Agnello

L’agnello vuole dei rossi di buon corpo, discretamente invecchiati: dal Chianti al Taurasi, dal Barbaresco all’ Aglianico del Vulture.